Prodotti per la pulizia delle mani


Prodotti per la pulizia delle mani

Necessario fare chiarezza

Anna Caldiroli • Toxicon, Pavia – anna.caldiroli@toxicon.it


La pandemia in corso ha fatto sorgere la necessità di avere a disposizione una larga quantità di prodotti ad azione igienizzante e disinfettante che probabilmente, superata l’emergenza contingente, continuerà nel tempo. Gli operatori del mercato hanno quindi risposto con la formulazione di molteplici prodotti per la detersione delle mani (e delle superfici).
A questo proposito, è stato ritenuto opportuno presentare una panoramica delle diverse tipologie di prodotti e connotazioni regolatorie (con particolare riferimento ai claim), distinguendo tra:
– prodotti cosmetici,
– prodotti biocidi,
– presidi medico-chirurgici,
– i cosiddetti casi limite.

Per “prodotti cosmetici”, ai sensi della definizione stabilita dal Regolamento (CE) n.1223/2009, si intende “qualsiasi sostanza o miscela destinata a essere applicata sulle superfici esterne del corpo umano (epidermide, sistema pilifero e capelli, unghie, labbra, organi genitali esterni) oppure sui denti e sulle mucose della bocca, allo scopo esclusivamente o prevalentemente di pulirli, profumarli, modificarne l’aspetto, proteggerli, mantenerli in buono stato o correggere gli odori corporei” (1).
Per “prodotti biocidi”, ai sensi della definizione stabilita dal Regolamento (UE) n.528/2012 (BPR), si intende “qualsiasi sostanza o miscela nella forma in cui è fornita all’utilizzatore, costituita da, contenenti o capaci di generare uno o più principi attivi, allo scopo di distruggere, eliminare e rendere innocuo, impedire l’azione o esercitare altro effetto di controllo su qualsiasi organismo nocivo, con qualsiasi mezzo diverso dalla mera azione fisica o meccanica” (2).
Per “presidi medico-chirurgici” (PMC) si intendono tutti quei prodotti che vantano in etichetta un’attività riconducibile alle seguenti definizioni: disinfettanti e sostanze poste in commercio come germicide o battericide, insetticidi per uso domestico e civile, insettorepellenti, topicidi e ratticidi a uso domestico e civile. I PMC sono disciplinati da una normativa esclusivamente nazionale (3).

Per leggere l’intero articolo abbonati alla rivista o acquista il singolo numero

by Cec Editore