L’Integratore Nutrizionale 3 – 2012 (pdf)

12 

    Legislazione per alimenti salutistici

    Trattamento In&Out anti-invecchiamento

COD: IN3-2012 Categorie: ,

Articoli

  • Monascus purpureus
  • Trattamento in&out
  • Alimenti Salutistici

Aggiornamenti

  • Letteratura Scientifica
  • Beauty from within
  • Health Claim

Aziende

  • Ingredienti (Hydrovas® – Bionap • Kaneka QH™ – Kaneka Pharma Europe e C.F.M. Co. Farmaceutica Milanese)
  • PR
  • Just out Supplements

Notizie

  • Associazioni – FederSalus – AssICC
  • Università e Formazione
  • Pubblicità al vaglio
  • Appuntamenti – Fiere – Convegni – Agenda

Monascus purpureus
Monacoline e Funzionalità
Umberto Cornelli
Il Monascus purpureus è un fungo che si può sviluppare durante la fermentazione del riso. Ha una tradizione millenaria nella cultura cinese per la preparazione di bevande e salse ma anche come rimedio per il miglioramento della circolazione. La sua azione come ipocolesterolemizzante è legata essenzialmente alla presenza di monacoline, una delle quali è una classica statina, la fluvastatina. Tuttavia, la sua produzione non è ancora standardizzata (secondo criteri occidentali) e pertanto sul mercato si trova di tutto, dalle semplici polveri di riso rosso contaminato da Monascus purpureus, agli estratti alcolici del medesimo (più frequenti). Esistono poi varie specie di Monascus, le quali si differenziano per il contenuto in monacoline e di altri composti, come la citricina, che sono da considerare tossici.
Tutte le varie specie hanno in comune l’azione ipocolesterolemizzante, mentre gli effetti sui trigliceridi sono scarsi e ambigui. I dosaggi sono i più disparati, oscillando da quantità di 2.5 a 15 mg/die, il più delle volte in associazione con altri composti ad attività varia. Chiaramente, salendo con le dosi per aumentarne l’effetto sul colesterolo, si incorre nel rischio di effetti collaterali.
Come per le statine, alle quali si riconosce un’attività pleiotropica, anche per il Monascus sono in studio una pletora di azioni farmacologiche (antinfiammatoria, ipoglicemizzante, ecc), che sono in relazione alla tecnologia produttiva. Pertanto, se gli effetti con i vari preparati contenenti Monascus non si ottengono con dosaggi al di sotto dei 3 mg/die (come monacoline) è consigliabile ricorrere ad altro trattamento.

Monascus purpureus is a yeast that can be generated during rice fermentation. It has a millenary tradition in the Chinese culture and it is used for the preparation of drinks and servings, and as a remedy to improve the circulation also. The activity as hypocholesterolemic product is related mainly to the content of monakolins since one of these is precisely fluvastatin. However, the production of the yeast is not standardized (according to Occidental criteria) consequently many different products are sold on the market, from the simple powder of red rice contaminated with Monascus purpureus up to the alcoholic extracts of red rice (more frequent).
Many species of Monascus are available which contain different quantities of monakolins together with other compounds such as citricine, that can be considered toxic. All the different species have in common the hypocholesterolemic activity, whereas the effect on triglycerides is scarce or ambiguous. Dosages to reduce cholesterol are quite different, ranging from 2.5 to 15 mg/day, most of the time in association with other compounds having a variety of activities. The increase of the dosage to improve the efficacy may cause side effects.
As for statins, that have a pleiotropic activity, Monascus purpureus is also under study for many other pharmacological activities (antiinflammatory, hypoglycemic, ect.) and its consistence is mainly related to the product technology. In case the effect of Monascus based products on cholesterol will not be reached with dosages lower than 3 mg/day (in terms of monakolins) it is more appropriate to use other treatments.


Trattamento in&out
Contro l’invecchiamento cutaneo
Marta Rull, Cristina Davi, Elena Cañadas, Eulalia González, Raquel Delgado, Paolo Petrella, Annalisa Segalla, Susanna Staiano
I nutricosmetici sono ingredienti alimentari funzionali che apportano benefici cosmetici attraverso il trattamento per via orale.
E’ stata pertanto sviluppata una formulazione nutricosmetica ottenuta dalla combinazione di ingredienti funzionali food-grade, come vitamine, proteine idrolizzate, estratti naturali e acidi grassi, selezionati per prevenire e combattere i segni dell’età dall’interno.

Nutricosmetics are functional food ingredients inducing cosmetic benefits through a systemic treatment and are obtained by coupling nutritive and cosmetic functions.
A nutricosmetic formulation* has been therefore developed combining food-grade functional ingre-dients such as vitamins, hydrolysed proteins, natural extracts and essential fatty acids, with the aim to prevent and fight skin aging from the inside out.


Alimenti Salutistici

Aspetti normativi
I prodotti alimentari possono essere suddivisi in due gruppi, ‘prodotti alimentari di uso corrente’ e ‘prodotti salutistici’, questi ultimi ulteriormente suddivisi in quattro sottogruppi: alimenti destinati ad un’alimentazione particolare, integratori alimentari, alimenti arricchiti e alimenti funzionali.
Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un crescente interesse della collettività nei confronti dei prodotti salutistici, prodotti non medicinali che possono contribuire al mantenimento dello stato di buona salute dell’organismo, e il concetto stesso di ‘salute’ sta pian piano evolvendosi, acquistando un significato sempre più ampio di benessere generale, fisico e psichico, che va oltre la semplice assenza di malattia o l’attività di prevenzione.
Le Aziende che immettono sul mercato i suddetti prodotti devono inoltre attenersi a tutte le disposizioni specifiche relative a ciascuna categoria di alimenti salutistici e alle disposizioni vigenti in materia di etichettatura, presentazione e pubblicità dei prodotti alimentari, etichettatura nutrizionale e claim nutrizionali e salutistici.
Gli stabilimenti nazionali adibiti alla produzione e/o al confezionamento di alimenti destinati ad una alimentazione particolare, di integratori alimentari e di alimenti addizionati di vitamine e/o minerali devono essere preventivamente autorizzati dal Ministero della Salute; l’autorizzazione richiede l’accertamento di tutti i requisiti tecnici previsti dalle norme vigenti in materia di igiene dei prodotti alimentari, nonché il rispetto delle procedure di autocontrollo introdotte con il sistema HACCP.
Questo articolo descrive i principali aspetti normativi che regolamentano produzione e vendita dei prodotti salutistici in Italia e in UE.

Foods can be divided into two groups, ‘foods in common use’ and ‘health products’, the latter further divided into four subgroups: food for particular nutritional uses, food supplements, fortified foods and functional foods.
In recent years we have been seeing a growing interest among the general public in health products, non-medicinal products that can help maintain a healthy state, and the concept of health itself is evolving, from absence and prevention of disease to general well-being, not only physical but also psychological.
National establishments that produce and/or package foods for special diets, food supplements and foods fortified with vitamins and/or minerals must first be approved by the Ministry of Health; such authorization involves assessment of all the technical requirements of the applicable standards of food hygiene, and respect for the procedures introduced by the HACCP system. Companies that issue these products on the market must also comply with all requirements specific to each category of health food and with the provisions on labeling, presentation and advertising of foods, nutrition labeling and nutritional and health claims.
This article describes the main regulatory issues that govern the production and sale of health products in Italy and the EU.


L’Integratore Nutrizionale 3 – 2012 (pdf)
    Legislazione per alimenti salutistici     Trattamento In&Out anti-invecchiamento