L’Integratore Nutrizionale n°2/2022

Focus: Mobilità e nutrizione sportiva

ARTICOLI
AGGIORNAMENTI
AZIENDE
INTERVISTE
ARTICOLI

Miglioramento della riabilitazione nei casi di sarcopenia
Il primo contributo di questo numero è a cura di Cereda e colleghi che presentano uno studio randomizzato controllato con l’impiego di un alimento a fini medici speciali muscolo-specifico.

eSport
A seguire un altro articolo in linea con il focus del numero. Samanta Maci di Kemin Human Nutrition ci fornisce una panoramica sugli effetti interessanti risultanti dall’assunzione di due ingredienti di origine vegetale: luteina ed estratto di menta.

Ialuronani ad ampio spettro
Uno studio clinico, presentato dall’azienda Roelmi, verifica l’effetto di ExceptionHYAL® Jump – ingrediente nutraceutico attivo a base di uno spettro completo di ialuronani (sale sodico di acido ialuronico, HA) – e valuta l’efficacia clinica sulla sintomatologia delll’osteoartrite (OA) e la funzionalità articolare. 

Approccio nutraceutico in ambito osteoarticolare
Proseguendo nell’ambito della mobilità e nutrizione sportiva, Geopharma ci offre un contributo sull’efficacia della supplementazione di glucosamina, condroitin solfato e bromelina nella gonartrosi dolorosa

Survey Walk
Il focus di questo numero dà spazio anche a studi volti al miglioramento della qualità di vita e della capacità di movimento negli animali, in particolar modo nei cani che soffrono di osteoartrosi. Annalisa Nieddu, di Aurora Biofarma, ci presenta uno di questi studi.

Benessere intestinale 2.0

Giorgio Cerana e Marco Boccarusso introducono, nel loro contributo, alcuni concetti base sul tema del microbioma umano e quelle che sono le ultime scoperte scientifiche del settore, con l’obiettivo di proporre un nuovo punto di vista a coloro che si occupano di innovazione di prodotto.

AGGIORNAMENTI

APPROFONDIMENTI FORMULATIVI – Alessandro Colletti e Marzia Pellizzato parlano dell’utilizzo della curcumina nello sport e di come migliorarne la biodisponibilità.

PIANTE E DERIVATI BOTANICI: Tiziana Mennini ci parla dell’adulterazione delle radici di eleuterococco e dei metodi per rilevarne l’adulterazione accidentale o intenzionale.

APPROFONDIMENTI NORMATIVI – Siamo lieti di ospitare in queste pagine due interventi del Centro Studi sul Diritto e le Scienze dell’Agricoltura, alimentazione e ambiente (CeDiSa, www.cedisa.info), nato dall’iniziativa di cinque atenei italiani, decisi a creare uno strumento di dialogo costante fra le scienze e il diritto dell’agricoltura, alimentazione e ambiente. Valeria Pullini e Rita Stefani scrivono per noi su due argomenti di scottante attualità ovvero le indicazioni sulla salute pending e il requisito della “fondatezza scientifica” e delle procedure avviate per l’articolo 8 del Regolamento n.1925/2006/CE rispettivamente.

PUBBLICITÀ AL VAGLIO: vengono presentate una ingiunzione e una pronuncia recenti dello IAP (Istituto dell’Autodisciplina pubblicitaria).

NOVEL FOOD: Armando Antonelli ci presenta i nuovi alimenti autorizzati nel primo bimestre del 2022.

AZIENDE
INTERVISTA A...
Andrea Maria Giori
IBSA Farmaceutici
Vitamine in "film",
un'innovazione tutta italiana
Integratori & Salute
Nuovo presidente
Germano Scarpa
PUBBLIREDAZIONALE

Corso Europa, 5
20020 Lainate (MI)
tel. 02 94324300

www.kolinpharma.com

Questi argomenti e tante altre NOTIZIE ti aspettano su questo numero... BUONA LETTURA!

Condividi la notizia!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Miglioramento
della riabilitazione
nei casi di sarcopenia

Studio randomizzato controllato
con l’impiego di un alimento
a fini medici speciali muscolo-specifico

La sarcopenia è una patologia associata all’età e a una prognosi negativa. Le linee guida internazionali definiscono che il trattamento debba focalizzarsi sulla massa e sulla funzione muscolare attraverso esercizio fisico, assunzione ottimale di proteine e integrazione di vitamina D, ma mancano evidenze in merito. Abbiamo quindi valutato la sicurezza e l’efficacia di un supporto nutrizionale muscolo-specifico sugli esiti di un programma di riabilitazione basato sull’esercizio fisico.

Uno studio monocentrico, in doppio cieco, randomizzato e controllato, è stato svolto su 140 soggetti anziani (≥65 anni), non interessati da grave deterioramento cognitivo, con diagnosi di sarcopenia, ricoverati in ospedale per essere sottoposti a riabilitazione fisica. I soggetti sono stati randomizzati per ricevere, due volte al giorno fino al momento della dimissione (da un minimo di 4 settimane a un massimo di 8), una formula nutrizionale2 a base di proteine del siero di latte arricchita con leucina e vitamina D o una formula di controllo isocalorica in integrazione alla dieta ospedaliera standard. 

Tredici pazienti hanno interrotto l’intervento nutrizionale perché non gradivano il prodotto, mentre le analisi intention-to-treat sono state effettuate sui 127 pazienti sottoposti a rivalutazione al momento della dimissione. La supplementazione con la formula in esame (n = 64) ha determinato un maggiore aumento della velocità media del cammino (endpoint primario) (0,061 m/sec/mese) rispetto al placebo (n = 63; -0,001 m/sec/mese), con una differenza di media +0,063 m/sec/mese (p <0,001). È stato inoltre riscontrato un effetto significativo sulla massa muscolare (p <0,03) e su tutti gli endpoint secondari chiave e gli endpoint funzionali e cognitivi (p <0,001 per tutti). La supplementazione era inoltre associata a una proporzione maggiore di pazienti che hanno migliorato il loro profilo di intensità di cura e assistenza (p = 0,003) e che sono stati dimessi al domicilio (p = 0,002) con tempi più brevi di riabilitazione (p <0,001) e di degenza in ospedale (p <0,001) e dei relativi costi di gestione.

eSport

Doppio approccio a un cambio di gioco

L’eSport è una modalità accessibile come il gaming e il suo interesse e la sua pratica crescono nelle diverse fasce di età anno dopo anno. Negli eventi professionali, così come nelle competizioni tra amici appassionati di questo sport, i giocatori sono alla ricerca di un vantaggio competitivo e l’alimentazione può essere di aiuto in questo. I risultati di un’indagine condotta in Europa nel 2019 suggerisce che i giocatori sono favorevoli all’uso di integratori alimentari per migliorare le proprie prestazioni e proteggere la vista durante la pratica del gioco. Le evidenze scientifiche sugli ingredienti sono il principale fattore che determina la scelta del prodotto. Questo articolo fornisce una panoramica sugli effetti interessanti risultanti dall’assunzione di due ingredienti di origine vegetale: luteina ed estratto di menta. Benefici quali l’aumento della memoria e della velocità di elaborazione visiva, capacità di ragionamento, agilità e concentrazione, insieme alla protezione degli occhi dalla luce blu, sono un supporto prezioso per ottimizzare le prestazioni e fornire vantaggi critici durante la competizione.

Ialuronani ad ampio spettro

Evidenza di efficacia per il benessere articolare

Lo scopo del presente studio clinico è di verificare l’effetto di ExceptionHYAL® Jump – ingrediente nutraceutico attivo a base di uno spettro completo di ialuronani (sale sodico di acido ialuronico, HA) – e valutarne l’efficacia clinica sulla sintomatologia delll’osteoartrite (OA) e la funzionalità articolare. Lo studio clinico randomizzato, in doppio cieco, controllato placebo è stato condotto su 60 soggetti affetti da OA del ginocchio, che hanno assunto una dose quotidiana di 200 mg di attivo nutraceutico o placebo (30 soggetti per gruppo) per un periodo di 56 giorni.

Alla fine del trattamento, l’ingrediente nutraceutico attivo ha dimostrato di mitigare la sensazione di dolore, migliorare la funzionalità articolare e la rigidità, comportando un miglioramento a breve termine della sintomatologia e della mobilità delle ginocchia affette da OA, insieme a una riduzione dell’uso di FANS e farmaci antidolorifici. La superiorità dell’ingrediente nutraceutico attivo è dovuta alla sua capacità di promuovere la sintesi endogena dell’HA, migliorando la condizione delle articolazioni. L’ingrediente attivo, derivato da tecnologia a spettro completo somministrabile per via orale, consente una migliore compliance nei pazienti rispetto al trattamento con HA iniettabile, rappresentando una soluzione economica e non invasiva.

Approccio nutraceutico in ambito osteoarticolare

Efficacia della supplementazione
di glucosamina, condroitin solfato
e bromelina nella gonartrosi dolorosa

Scopo dello studio è stato quello di valutare l’efficacia di un condroprotettore contenente glucosamina 500 mg e condroitin solfato 440 mg più bromelina 100 mg nella riduzione del dolore e nel risparmio dell’impiego di analgesici (paracetamolo fino a 3 g/die al bisogno) nel trattamento di pazienti con gonartrosi per un periodo di 3 mesi.

Sono state arruolate 40 pazienti di sesso femminile, con età superiore a 50 anni e un’OA del ginocchio sintomatica con segni clinici di sinovite. Il gruppo A ha assunto solo paracetamolo fino a 3 g/die al bisogno, mentre il gruppo B ha assunto glucosamina, condroitin solfato e bromelina e paracetamolo fino a 3 g/die al bisogno. L’efficacia del trattamento è stata valutata al basale (T0), a 30 giorni (T1) e poi a 90 giorni (T2). Sono stati considerati l’indice del dolore del questionario WOMAC e un valore di almeno 40 mm al cammino della scala visivo-analogica del dolore (VAS), insieme a un esame baropodometrico per rilevare asimmetrie e vizi di posizione e individuare eventuali posture antalgiche.

L’esame baropodometrico ha evidenziato una maggiore risposta antalgica statisticamente significativa del gruppo B rispetto al gruppo A. Il confronto tra il dolore valutato tramite VAS e la media dei valori dell’alterazione dell’analisi di movimento hanno dimostrato un miglioramento statisticamente significativo, con una migliore risposta antalgica nel gruppo B rispetto al gruppo A. 

Il miglioramento è stato confermato dalla diminuzione della quantità di paracetamolo assunto. 

L’uso di 500 mg di glucosamina e 440 mg di condroitin solfato più 100 mg di bromelina si è dimostrato efficace nella riduzione del dolore e ha consentito un recupero delle abilità motorie maggiore rispetto all’utilizzo del solo paracetamolo al bisogno.

Survey Walk

Valutazione in real life dell’efficacia
di un mangime complementare in cani affetti
da osteoartrosi cronica

La Survey Walk nasce come studio osservazionale di campo atto alla valutazione dell’efficacia di un mangime complementare formulato per il supporto della funzione articolare nel miglioramento della qualità di vita e della capacità di movimento nei cani affetti da osteoartrosi (OA) in fase cronica. Lo studio è stato condotto su cani adulti di proprietà senza distinzione di razza e sesso, con peso compreso tra i 16 e i 50 kg, e con diagnosi di OA, per un totale finale di 869 pazienti inclusi. Per ciascun soggetto incluso il veterinario sperimentatore è stato chiamato a compilare una scheda clinica con raccolta dei dati anamnestici e rilievi clinici a T0 (giorno dell’arruolamento), oltre a un questionario da compilarsi da parte del medico veterinario con la collaborazione attiva del proprietario a T0 e T1 (termine dello studio). I parametri considerati sono stati valutati su una scala a 4 punti, considerando come migliorativa la progressione in senso positivo di almeno un grado sulla suddetta scala, rispetto al tempo precedente. Dopo due mesi di trattamento, oltre il 90% dei proprietari riscontrava un miglioramento significativo nella qualità di vita del proprio cane.

Benessere intestinale 2.0

Approccio nutraceutico al microbioma umano per il benessere che va oltre l’intestino

Il microbioma è il trend topic che domina e guida le innovazioni nel panorama sia della ricerca clinica sia dell’industria dei prodotti per la salute. Il termine è diventato noto anche ai consumatori più informati che, per questo, ricercano nuove soluzioni che ne tengano conto. Questo articolo vuole introdurre alcuni concetti base sul tema del microbioma umano e quelle che sono le ultime scoperte scientifiche del settore, con l’obiettivo di proporre un nuovo punto di vista a coloro che si occupano di innovazione di prodotto. Tale innovazione arriva grazie a un diverso approccio che lega l’integrazione alimentare al microbioma umano, basato sulla considerazione che l’uomo, il suo microbioma e il suo ambiente costituiscono un unico ecosistema complesso, di cui tenere conto durante lo sviluppo di nuove formulazioni, che saranno sempre più mirate e dedicate alle necessità e alle caratteristiche di ciascuno dei nostri consumatori.

L’Integratore Nutrizionale n°2/2022